Ti aiutiamo a evitare le truffe online relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19)

Vogliamo garantire che la tua esperienza online sia sempre sicura. Per questo, tutti i nostri strumenti sono protetti da potenti tecnologie integrate che contribuiscono a rilevare e bloccare le minacce prima che ti raggiungano.

Vista la recente impennata delle frodi online collegate all'emergenza Coronavirus (COVID‑19), abbiamo preparato un elenco di suggerimenti per aiutarti a riconoscere queste truffe, evitarle e rendere più sicura la tua esperienza online.

Truffe più comuni relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19)

Truffatori che si spacciano per organizzazioni sanitarie

I truffatori che si fanno passare per il Servizio Sanitario Nazionale, l'Organizzazione Mondiale della Sanità o l'Istituto Superiore di Sanità possono offrire cure, test o altre informazioni relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19).

Siti fraudolenti che offrono prodotti molto richiesti

Questi siti possono offrire igienizzanti per le mani, mascherine o altri articoli molto richiesti, che però non arriveranno mai.

Truffatori che si spacciano per fonti governative

Alcuni truffatori sostengono di pubblicare aggiornamenti e di richiedere pagamenti per conto dell'Agenzia delle Entrate e dello Stato.

Offerte finanziarie fraudolente

I truffatori possono spacciarsi per banche, investitori o enti di recupero crediti, con offerte mirate a carpire informazioni finanziarie.

False richieste di donazioni benefiche

È opportuno verificare molto attentamente tutte le richieste di donazioni relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19) a favore di enti benefici, ospedali e Protezione Civile.

Come evitare le truffe più comuni

Informati sulle strategie di comunicazione dei truffatori

I truffatori stanno approfittando del proliferare delle comunicazioni relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19) camuffando le frodi come messaggi legittimi sul virus. Oltre alle email, i truffatori utilizzano anche SMS, chiamate automatizzate e siti web fraudolenti per raggiungere gli utenti.

Consulta direttamente siti web autorevoli

Spesso i truffatori si spacciano per fonti note, affidabili e autorevoli. Per resoconti e informazioni sull'emergenza Coronavirus (COVID‑19), consulta direttamente i siti ufficiali come governo.it, salute.gov.it o euro.who.int.

Fai attenzione alle richieste di dati personali o finanziari

Se ricevi sollecitazioni non richieste di informazioni, valuta attentamente il messaggio. Spesso i truffatori ti chiedono di inserire dati di accesso o di comunicare dati bancari e indirizzi. Possono anche richiedere pagamenti mediante bonifico o valuta virtuale.

Fai donazioni direttamente agli enti benefici

Alcune frodi approfittano della benevolenza delle persone, richiedendo donazioni per gli interventi di soccorso relativi al Coronavirus (COVID‑19). Assicurati che l'ente di beneficenza sia legittimo, ad esempio verificando che abbia un sito web e canali social ufficiali e che ci siano più fonti affidabili che parlino dell'ente online.

I truffatori possono anche cercare di farsi passare per organizzazioni legittime. Per assicurarti che la tua donazione raggiunga effettivamente un ente benefico, conviene farla direttamente sul suo sito web invece di fare clic su un link che ti è stato inviato.

Controlla attentamente link e indirizzi email prima di selezionarli

I link fraudolenti spesso imitano quelli di siti web noti aggiungendo alcune parole o lettere. Se il messaggio dice “Fai clic qui”, puoi passare il mouse sopra il link oppure toccare il testo e tenere premuto per verificare se l'URL contiene degli errori, facendo attenzione a non aprire il link. Parole con refusi oppure lettere e numeri casuali all'interno dell'URL o dell'indirizzo email spesso sono indice di una truffa.

Fai una ricerca per sapere se la truffa è già stata denunciata

Se qualcuno ti ha inviato un messaggio fraudolento, è probabile che l'abbia inviato anche ad altri. Copia e incolla l'indirizzo email, il numero di telefono o le parti più sospette del messaggio in un motore di ricerca per verificare se la truffa è già stata denunciata da altre persone.

Aggiungi un ulteriore livello di sicurezza al tuo account

Per ottenere una maggiore protezione quando sei online, aggiungi l'autenticazione a due fattori, conosciuta anche come verifica in due passaggi, ai tuoi account. In tal modo, ti assicurerai un ulteriore livello di protezione grazie alla doppia verifica per accedere all'account: per esempio, qualcosa che conosci (la tua password) e qualcosa che hai fisicamente vicino (come il telefono o un token di sicurezza).

Segnala le frodi

Se noti qualcosa di sospetto, segnalalo su www.commissariatodips.it

Inoltre, a partire dal 2015, collaboriamo con Altroconsumo per promuovere un utilizzo responsabile della rete e aiutare a riconoscere i rischi del Web e navigare in sicurezza. Se vuoi ricevere assistenza su problemi legati al Coronavirus (COVID‑19), Altroconsumo mette a disposizione gratuitamente per tutti i propri consulenti qualificati su https://www.altroconsumo.it/assistenza-coronavirus. Oltre a contenuti e informazioni sempre aggiornate, su www.altroconsumo.it/coronavirus.

Aiuta gli altri a evitare le truffe online relative all'emergenza Coronavirus (COVID‑19)

Diffondi informazioni accurate e contribuisci alla sicurezza online di tutti. Condividi questi suggerimenti con familiari e amici, e scarica il riepilogo che trovi qui sotto.

Scarica il PDF